Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 19 luglio 2018 (534) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Chiesa di San Lanfranco tra Medioevo e Rinascimento
» Dopo la Brexit, quale futuro per l’Europa
» Il Giubileo del Concilio e di Papa Francesco
» Una serata per il Sì
» Cambiamo per il cambiamento climatico
» Quo Lux Ducit
» Operare nell’emergenza Ebola
» I Giovedì del Collegio Cairoli
» La Ricerca della Felicità
» Mario Pavan, 40 anni di studi e ricerche in giro per il mondo.
» Babilonia: archeologia e mito
» Tutti i segreti dell’energia elettrica
» Abitare nell'antichità: forme e modelli
» Dalle mummie a Caravaggio
» Arte e guerra
» Donne e Pubblicità
» Leggere il pensiero non è più fantascienza
» Pericolo asteroidi
» ArkeoLogicaMente
» Progetto e costruzione

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
» Giornata Goldoniana
» UniPV Innovation - Mission Impossible: Fundraising
» L'esperienza costituzionale di uno storico del diritto
» Raccontare il territorio pavese fra banche e imprese locali
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
» Incontro con Raffaele Cantone
» Il cellulare ci spia…
» La molecola delle emozioni
» Ad AstroSamantha la laurea honoris causa
» Dolomiti: un patrimonio da tutelare, una scogliera fossile da scoprire"
» La fortuna aiuta gli audaci
» Scienziati in Prova
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10481 del 3 febbraio 2012 (2426) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Charles Dickens e la trascrizione del parlato
Charles Dickens e la trascrizione del parlato
In occasione del bicentenario della nascita (il 7 febbraio 1812), il Collegio Ghislieri rende omaggio a Charles Dickens con una serata - The Vulgar Tongue - dedicata alla sua scrittura e alla ricchezza semantica delle sue parole.

L’incontro, che si terrà lunedì sera, presso l’Aula Goldoniana, sarà tenuto da John Meddemmen, docente di Storia della Lingua Inglese presso l’Università di Pavia e autore del volume Enciclopedie, isole deserte, bambole. La formazione dei giovani inglesi (1780-1905), Arcipelago Edizioni, 2010.
 
La letteratura di Charles Dickens è uno tra più alti esempi della ricchezza lessicale della lingua inglese, una lingua dinamica, creativa, aperta, persino ludica, che si adatta perfettamente alle diverse esigenze dello scrittore.
Ogni personaggio dei romanzi di Dickens, infatti, possiede un suo linguaggio particolare, un suo modo di comunicare unico e irripetibile, risultato di un preciso lavoro del suo autore che sceglie, per ogni conversazione, i “giusti” vocaboli tra numerosissimi sinonimi.
Charles Dickens può essere considerato, per questo motivo, il precursore di romanzi come Finnegans Wake (La veglia di Finnegan), ultima opera di James Joyce, scritta con un linguaggio onirico e polisemico, per lungo tempo ritenuto addirittura intraducibile.
A livello letterario, infatti, l’inglese non solo tollera, ma incoraggia tutte le permutazioni possibili, neologismi, trasgressioni, ogni forma di estro creativo.
 
Questa sterminata ricchezza lessicale, con accanto forme cosiddette ‘sgrammaticate’ – afferma John Meddemmenè stata ampiamente e programmaticamente sfruttata da quasi tutti i romanzieri di lingua inglese dall’ottocento in poi. Per giunta, il divario tra la pronuncia e le forme grafiche permette, anzi incoraggia, la loro manipolazione sulla pagina in funzione di quella: nite al posto di night, per fare solo un esempio”.
 
 Informazioni 
Dove: Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri, p.zza Ghislieri – Pavia
Quando: lunedì 6 febbraio 2012, ore 21.00
Ingresso: libero.
 

Comunicato Stampa

Pavia, 03/02/2012 (10481)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool