Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 8 agosto 2020 (922) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I Musicals di Ostinata Passione
» “Raccontami” Le Contaminazioni
» Giro d'Italialand
» O Soul Mio al Fraschini
» Madagascar 2: si salvi chi può!
» La Karmen di Bregovic assolutamente geniale!!!
» Reperto Raiot
» The Full Monty
» Gli anni '80 e la musica

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Lectio magistralis di Vittorio Sgarbi
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10464 del 27 gennaio 2012 (2080) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Teatro Etrusco al Collegio Ghislieri
Teatro Etrusco al Collegio Ghislieri
Giovedì sera il Collegio Ghislieri ospiterà in prima assoluta una particolarissima performance teatrale in due atti  ideata da L’epimeteide, una formazione artistica fondata nel 2004 a Firenze, già vincitrice di numerosi premi tra cui il Premio RAI per la radiofonia nel 2007, il Premio Internazionale della performance (Trento) nel 2008 e il Premio Internazionale Arte Laguna - sezione performance (Venezia) nel 2009.
 
Attraverso lo studio dello spazio scenico e della drammaturgia musicale e sonora, Angelo Airò Farulla e Elena Fatichenti, fondatori e ideatori del progetto, danno voce a miti del passato, rielaborando antiche storie con gestualità e linguaggi contemporanei.
 
Il progetto allestito presso il Collegio è parte di una tetralogia intitolata “X” e verte sull’idea di fato nella cultura etrusca.
 
La differenza fra noi e gli Etruschi (…) è questa: che noi riteniamo che i fulmini scocchino in seguito all’urto delle nubi; essi credono che le nubi si urtino per far scoccare i fulmini; tutto infatti attribuendo alla divinità, sono indotti ad opinare non già che le cose abbiano un significato in quanto avvengono, ma piuttosto che esse avvengano perché debbono avere un significato.
Seneca, Quaest. Nat., II 32, 2
 
Si tratterà di uno spettacolo unico e irripetibile, in quanto specialmente studiato per l’ambientazione dell’Aula Magna, immerso nel contesto e nello spazio che l’ospiteranno.
 
La performance audiovisiva è scandita in momenti differentemente formulati: la prima parte dello spettacolo, X-L’ombra_Pyrgi, alle ore 18.00, è un breve recital in lingua etrusca e punica incentrato sulla dizione del testo delle Lamine Auree di Pyrgi, iscrizione bilingue tra le più importanti dell’Italia preromana. Il testo evocherà nel pubblico una sorta di appartenenza virtuale, un’emozione atavica, fuori dal tempo.
 
Il secondo momento dello spettacolo, intitolato X-Phersu, è un’azione teatrale che insiste sulla relazione tra visione, racconto, immaginazione. Lo spettacolo riprodurrà il gioco gladiatorio etrusco che si celebrava in occasione del funerale aristocratico; Phersu, l’uomo mascherato che lo conduceva, rappresenta probabilmente la prima maschera del teatro italiano.
 
Non sarà ovviamente la messa in scena di un teatro etrusco che non possiamo più conoscere – afferma l’etruscologo Maurizio Harari, promotore, assieme al Collegio, della serata –, ma al contrario un’operazione assolutamente contemporanea, una ricerca sperimentale che rielabora la ritualità, le parole e i gesti della cultura etrusca attraverso linguaggi e tecniche d’avanguardia. Sarà uno spettacolo molto suggestivo, che riuscirà a creare un’atmosfera fuori dal tempo, una performance tale da unire teatro e arte contemporanea, frutto di una seria e approfondita ricerca da parte degli autori”. 
 
La serata sarà introdotta da Maurizio Harari, docente di Etruscologia e Antichità Italiche nell’Università di Pavia, il quale offrirà una presentazione storico-antiquaria dei temi trattati, e sarà conclusa da Fabrizio Fiaschini, docente di Storia del teatro e dello spettacolo nella stessa Università, il quale a sua volta, insieme agli artisti, commenterà lo spettacolo dal punto di vista tecnico-performativo.
 
 Informazioni 
Dove: Aula Magna del Collegio Ghislieri, p.zza Ghislieri - Pavia
Quando: giovedì 2 febbraio 2012, ore 18.00 e 21.00
Ingresso: libero.

 

Comunicato Stampa

Pavia, 27/01/2012 (10464)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool