Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 13 dicembre 2018 (293) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Comune che vai, fisco che trovi
» Cyberbullismo: il male sottile
» Cities for Life - Città per la Vita/Città contro la Pena di Morte
» Evviva la Repubblica
» Ecco la carta dei servizi e dei diritti per i Musei di Pavia
» Nasce Radio Local
» Treno Verde 2016
» Pavia ad HappyCube
» Un altro Sanremo alle spalle
» Minerva d'Artista
» Appesi a un filo, ma senza rassegnazione
» I Beatles in edicola
» Madagascar 3: Ricercati in Europa. Ma anche a Pavia...
» Chiusura dei cinema Corallo e Ritz
» InfoMatricole 2012
» Pavia-Innsbruck: un gemellaggio possibile?
» Buio in sala? Prima che i cinema chiudano anche a Pavia
» Una fiaccolata per sensibilizzare sull’autismo
» Oscar 2012!
» Sanremo 2012... e anche questo è andato!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
» Giornata Goldoniana
» UniPV Innovation - Mission Impossible: Fundraising
» L'esperienza costituzionale di uno storico del diritto
» Raccontare il territorio pavese fra banche e imprese locali
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Matteo Bussola: A Contemporary Storyteller
» Incontro con Raffaele Cantone
» Il cellulare ci spia…
» La molecola delle emozioni
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10406 del 4 gennaio 2012 (3308) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
"Lucertolone" del Permiano scoperto ad Alghero
Dal Paleozoico il più grande e antico rettile mai scoperto in Italia: l’eccezionale ritrovamento in Sardegna, da parte di un team di pleontologi pavesi e romani.
 
I resti ossei di un gigantesco rettile, lungo circa 4 metri, vissuto alla fine del Paleozoico circa 270 milioni di anni fa, sono stati ritrovati ad Alghero, nel corso di una Campagna geologico-didattica organizzata dall’Università di Pavia: era un erbivoro ed è considerato un progenitore dei mammiferi. L’eccezionale scoperta.
 
L’eccezionale scoperta, avvenuta nella zona nord-ovest dell’isola, poco a nord della città di Alghero, è descritta sull'ultimo numero degli Acta Palaeontologica Polonica, una delle maggiori riviste internazionali di paleontologia ed è pubblicata anche sul National Geographic.
 
Abbiamo studiato nel dettaglio e per molti anni queste successioni continentali permotriassiche, che affiorano in modo spettacolare lungo la costa a nord di Capo Caccia, senza mai imbatterci nel ben che minimo fossile - spiega Ausonio Ronchi, stratigrafo del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente di Pavia e primo firmatario dell’articolo - Poi, per un incredibile colpo di fortuna e grazie alla vista acuta di alcuni nostri studenti (Marco Morandotti ed Enrico Bortoluzzi), da questi antichi terreni fluviali sono affiorati i resti di una colonna vertebrale”. Inoltre “questa scoperta ci consente finalmente di dare un’età, anche se approssimativa, agli antichi terreni sedimentari che caratterizzano questa parte dell’isola”.
 
Il ritrovamento di uno di questi grandi vertebrati, probabilmente molto diffusi nel Permiano inferiore-medio, è un fatto estremamente raro: infatti, esemplari di questo tipo si contano sulle dita di una mano in tutta l’Europa, spiega Umberto Nicosia dell’Università “la Sapienza” di Roma e a capo del team di paleontologi che hanno estratto e studiato il fossile.
Cinque campagne di scavo, sotto l’attenta supervisione della Soprintendenza archeologica per la Sardegna di Sassari, che ne ha concesso lo studio presso i laboratori de “la Sapienza”, hanno portato a dissotterrare varie decine di frammenti ossei, alcuni ancora in connessione anatomica, e a risalire così al tipo di vertebrato.
 
L’ottima preservazione dei resti porta a concludere che essi appartenevano tutti ad uno stesso esemplare, di dimensioni eccezionali per uno del suo genere, stimate in oltre 4 metri di lunghezza. Esso probabilmente morì per un evento traumatico, forse dovuto al crollo di un argine fluviale; tale evento portò al rapido seppellimento dell’animale e ciò spiega anche come mai le ossa non evidenzino né i segni di un lungo trasporto né tracce di predazione ad opera carnivori ad esso coevi.
 
I caseidi, rettili erbivori della fine del Paleozoico, delle dimensioni simili a quelle degli ippopotami, apparivano sgraziati, con una testa minuscola e sproporzionata rispetto al ventre e alle zampe possenti. Questo gruppo di “rettili” faceva a sua volta parte della classe dei sinapsidi il cui ramo evolutivo è quello che ha portato ai mammiferi.
 
L’esemplare rinvenuto in Sardegna, vicino al genere Cotylorhynchus, è il primo grande vertebrato paleozoico scoperto in Italia, anche se bisogna considerare che la Sardegna in quel periodo geologico era ruotata insieme alla Corsica di circa 60° e “saldata” alla Francia meridionale a costituire i versanti meridionali di una grande catena montuosa chiamata varisica.
 
Dopo lo studio presso i laboratori romani, i resti fossili torneranno in Sardegna, in un museo e un luogo che valorizzeranno appieno questo antichissimo abitante dell’isola.
 
CARTA D’IDENTITÀ
  • Nome: Cotylorhynchus (genere simile a)
  • Classe: Sinapsidi
  • Sottordine: Caseidi
  • Tipo di rettile: erbivoro
  • Dimensioni: ca. 6 metri
  • Ambiente di vita: piane fluviali
  • Luogo di ritrovamento: Torre del Porticciolo (Alghero, Sardegna nord-ovest)
  • Età: Permiano medio-inferiore (ca. 270 milioni di anni)
 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa

Pavia, 04/01/2012 (10406)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool