Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 21 novembre 2019 (256) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» L'altro Leonardo
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Napoleone anche a Pavia
» Semplicemente Sacher
» Oltrepò infinitamente grande, infinitamente piccolo, infinitamente complesso
» Un nodo al fazzoletto
» Vigevano tra cronache e memorie
» Il Futuro dell’Immagine
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Il pentagramma relazionale
» Ghislieri 450. Un laboratorio d’ Intelligenze
» Progettare gli spazi del sapere: il caso Ghislieri
» La Viola dei venti
» Solo noi. Storia sentimentale e partigiana della Juventus
» L'estate non perdona
» Il manoscritto di Dante
» Per una guida letteraria della provincia di Pavia
» Il naso della Sfinge

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Arianna Arisi Rota, Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale
» Libri al Fraccaro: Street philosophy Saggezza quotidiana
» Francesco Melzi e i codici di Leonardo
» Essenzialità dell'inessenziale
» La grande bellezza dei libri
» Un oceano di silenzio
» Al Borromeo il ricordo del teologo Karl Barth
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 10403 del 31 dicembre 2011 (2696) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il gatto del soldato
Il gatto del soldato
«Ci fu un tempo in cui la terra dove sono nato si chiamava Persia. Ma io non appartengo alla razza persiana né a nessun’altra razza. Non sono un meticcio e, al contrario di tutti gli altri gatti del mondo, non ho neppure un nome. Meglio così, piuttosto che quei nomi idioti del tipo: Fuffi, Pallino o Ginger. Per il mio piccolo amico, Mustafà, ero semplicemente “il gatto del soldato”».
 
Inizia così Il gatto del soldato - una storia a Baghdad dello scrittore pavese Romano Augusto Fiocchi.
 
Stampato in una raffinata e originale versione bilingue italiano-inglese per le Edizioni Cardano di Pavia, è uscito in questi giorni in libreria il racconto che ha vinto nel 2009 il Premio Letterario “Inedito” Città di Chieri e Colline di Torino (riconoscimento che è stato consegnato nel corso di una cerimonia presso il Salone Internazionale del Libro di Torino).
 
La storia è ambientata nella Baghdad dei nostri giorni. Protagonista il gatto che un soldato occidentale disegna su un taccuino e regala a Mustafà, uno dei tanti bambini di Baghdad che amano i gatti e vivono tra gli orrori della guerra.
Il gatto disegnato, come in tutte le fiabe, saprà sprigionare la sua carica di magia e di umanità ma non servirà ad evitare il finale pieno di amarezza. Una fiaba più per grandi che per piccoli.
Romano Augusto Fiocchi ha pubblicato quattro raccolte di racconti, il romanzo Il tessitore del vento (Neftasia Editore, 2006), il racconto lungo La leggenda delle perle di fiume (Ed. Cardano, 2007).
 
 Informazioni 
Il gatto del soldato - una storia a Baghdad
di Romano Augusto Fiocchi,
Edizioni Cardano, 2011
32 pagine - 10,00 euro
ISBN 978-88-88936-57-4
 

La Redazione

Pavia, 31/12/2011 (10403)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool