Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
mercoledì, 14 aprile 2021 (441) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Un anno al Fraschini
» I Fratelli Lehman
» Il Gabbiano
» Caffè Corretto
» After Miss Julie
» Se il tempo fosse un gambero?
» Ogni volta che si racconta una storia
» Teatro Fraschini: Stagione 2018/2019
» Il corpo che... avanza
» Novecento
» Spirito di Copenaghen
» Quà quà attaccati là
» Sette topi in cucina. Chi ha paura di Le Grand Miaò?
» Stelle Erranti. Perché il vento non le porti via
» Piccoli Crimini Coniugali
» Sogno di una notte di mezza sbronza
» Ed ero più mata de prima
» Fabule & Scarpule
» Tramp
» Il Mercante di Monologhi

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Gran Consiglio (Mussolini)
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 10182 del 21 ottobre 2011 (3271) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Festa del Teatro
Festa del Teatro
La Provincia di Pavia, Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali, in continuità con quanto si svolge a livello nazionale iln 28, 29 e 30 ottobre, organizza la Festa del Teatro nel nostro territorio.
Protagonisti della Festa sono dodici gruppi che, su di un totale di ventiquattro compagnie, hanno partecipato al censimento svolto negli ultimi mesi in collaborazione con il laboratorio Motoperpetuo-Residenza Oltre Pavia.

La vetrina (quest’anno nel capoluogo ma che nelle prossime edizioni si intende decentrare) vuole essere, anzitutto, occasione di incontro tra coloro che “fanno” teatro e un pubblico variegato composto da operatori, amministratori e, naturalmente, appassionati.
In qualità di ente coordinatore delle attività sul territorio, la Provincia ritiene infatti importante agevolare la messa in rete di informazioni, energie, e obiettivi tra tutti coloro che praticano e frequentano il palcoscenico nelle più varie declinazioni, così da offrire un’opportunità di crescita, artistica e promozionale, promuovendo e valorizzando il teatro come luogo di ricerca e valorizzazione culturale, approfondimento di sé e dell’altro, strumento fondamentale per l’educazione alla cittadinanza.

È stato chiesto alle compagnie partecipanti di presentare il loro lavoro in forma di “trailer”, secondo un’originale azione che permette al pubblico di cogliere l’essenza della poetica e della pratica di lavoro degli artisti.
Il mosaico che si è composto, e che verrò presentato nel fine settimana, è assai variegato e ricco di suggestioni.
 
Si va dalla rivisitazione dell’età d’oro del cabaret milanese del gruppo Favola Folle, che presenta “Ho visto un re”, all’improvvisazione “Real game” della compagnia Improvvisamente, con i partecipanti che in tempo reale raccontano storie e tessono trame prendendo spunto dal loro vissuto, alla colorata magia della fiaba di Alice nel paese delle meraviglie che I Riso e Amaro evocano nel loro “6 cose impossibili prima di colazione”.
Ma non mancano proposte più impegnate, quali “Il Capodanno del Dittatore”, in cui Terremoto Teatro parla di regimi e di violenze vecchi e nuovi, e “Delirio a Due+1”, sull’incomunicabilità tra esseri umani, a cura di In Scena Veritas.
Atmosfere fanciullesche e fantastiche si ritrovano nel teatro di figura del Teatro delle Chimere e nella versione teatrale dal racconto di Stefano Benni “La Signorina Papillon” proposta da Vicolo del teatro.
A completare questo ricco affresco, ecco un tuffo nel passato con “Fabulatrix”, ironica rivisitazione di un fabliau medievale da parte del gruppo I Verba Volant, e “Voci di storie Longobarde”, cortometraggio sulla storia di Pavia prodotto dal Teatro della Mostiola.
 
In chiusura, Motoperpetuo presenterà brevi passaggi delle due produzioni 2011, “Memorie di una prostituta”, e “Basta la parola!”, che affrontano, tra il serio e il faceto, due temi simbolo del degrado della nostra contemporaneità: le contraddizioni della figura femminile, e l’apocalisse della lingua italiana parlata e scritta.
 
Consulta il programma completo.

 Informazioni 
Quando: 28 e 29 ottobre, dalle ore 21.00; 30 ottobre 2011, dalle ore 16.30
Dove: Teatro Motoperpetuo, Viale Campari 72, Pavia
Ingresso: gratuito

 

Comunicato Stampa

Pavia, 21/10/2011 (10182)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool