Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 13 ottobre 2019 (233) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I transgender nello sport tra mito e realtà
» La sirena: da Omero ad Andersen passando per San Michele
» Di amore, di avventura e di archivisti
» Luca Mercalli e la crisi climatica
» Walking the Line
» Pillole di... fake news
» Scienza e bugie: il virologo Roberto Burioni al Borromeo
» Marcella Milani si racconta al Pavia Foto Festival
» Colloquio sull'Europa
» Scoprire il teatro: Carlos María Alsina a Pavia
» Salvatore Silvano Nigro e il "fantastico" Manganelli
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Mino Milani - Di stelle e di Misteri
» Conversazione Pavese
» Circolo di lettura
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
» Alda Merini la poetessa dei Navigli
» Nicola Attadio racconta Nellie Bly

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Scienziati in prova
» Notte dei Ricercatori - Settimana della Scienza
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Porte Aperte
» Giornata del Laureato
» Bloomsday
» Nuove generazioni - I volti giovani dell'Italia multietnica
» Tutto quello che avreste voluto sapere sulla Pila di Volta
» Paolo Gentiloni, Roberto Maroni e Ferruccio de Bortoli a Pavia
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Scienziati in Prova
» SHARPER: il volto umano della ricerca
» Fiera delle Organizzazioni Non Governative e della Società Civile
» Giornata del Laureato
» Letizia Moratti ospite al Nuovo
 
Pagina inziale » Università » Articolo n. 10125 del 4 ottobre 2011 (2920) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I colori dell’odio
I colori dell’odio
Prende spunto dal libro I colori dell’odio. Analisi di una passione e delle sue maschere di Niels Peter Nielsen pubblicato postumo nel febbraio di quest’anno, la giornata dedicata al tema dell’odio organizzata sabato al Collegio Ghislieri di Pavia. 
 
Insieme all’amore, l’odio è uno dei temi fondamentali della vita. Non solo si accumula sulle tracce delle mancanze, ma è un elemento costitutivo dell’animo umano.
 
Nielsen, nel suo libro invita a percorrere il versante meno battuto, più scomodo e inquietante dei sentimenti umani. Già con L’universo mentale nazista e Rorschach l’autore aveva affrontato il tema del male con uno studio approfondito sul fenomeno nazista, ricordandoci come le barriere fra “noi” e “loro” non sono tanto massicce quanto ci piacerebbe supporre, invitandoci ad una riflessione fondamentale per chi abbia a cuore la vita psichica così come quella civile.
 
Perché occuparsi di odio? L’autore pensa, con Thomas Hardy, che “se esiste un modo per arrivare al meglio, è proprio quello di guardare a fondo nel peggio”.
Un’altra motivazione, sottesa a tutti e tre i suoi ultimi libri, è legata alla consapevolezza di vivere in un mondo a cui manca lo sbigottimento per l’orrore, un mondo che ha fatto del male una banalità. Analizzare l’odio può offrire una possibilità per non colludere con le forze di negazione e rimozione, può aiutare a opporsi alla sua normalizzazione, al considerare con indifferenza il quotidiano impatto con l’orrore delle guerre, del terrorismo, dei genocidi. Infine, ma non meno importante, la costatazione che l’odio, come le altre emozioni negative, se compreso e analizzato, può spingere il lavoro analitico nei territori della responsabilità e dell’autenticità.
 
Il titolo I colori dell’odio indica un’apertura ad una dimensione sensoriale in stretto collegamento con gli aspetti somatici. Insieme ai grandi analisti, scrittori, poeti, pittori, musicisti e filosofi sono i compagni di viaggio di questo lavoro.
Nielsen è sempre stato un pensatore lontano dalle mode culturali, analista rigoroso ma anche aperto al nuovo. Si è sempre appassionato a temi considerati tabù o comunque ostici, come aveva dimostrato pubblicando nel 1998 Pillole o parole? un lavoro che mette in dialogo due modi opposti di affrontare la sofferenza mentale.
 
Aprono i lavori Marco Francesconi, dell’Università di Pavia, Associazione Studi Psicoanalitici (SPI)eAnna Tabanelli, Università di Pavia (SPI).
In mattinata la lettura di Giovanna Corchia e gli interventi di Valeria Egidi (SPI) e Giovanna Giaconia. Nel pomeriggio, dalle 15.00, la Tavola Rotonda con Alberto Camandola, Università di Pavia, Paolo Chiari (Spi) e Daniela Scotto di Fasano (SPI).
 
 Informazioni 
Dove: sabato 8 ottobre 2011, dalle 9.00 alle 18.00
Quando: Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri, p.zza Ghislieri - Pavia
 
 
Pavia, 04/10/2011 (10125)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool