Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 6 dicembre 2019 (454) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» BirrArt 2019
» Torre in Festa
» Festival dei Diritti 2019
» Ticino EcoMarathon
» Pavia per gli animali
» Mostra mercato “Antiche varietà agricole locali e piante spontanee mangerecce”
» “Barocco è il mondo” Sbarco Sulla Luna
» Non solo Cupola Arnaboldi – Pavia fa!
» Festa del Ticino 2019
» Scarpadoro di Capodanno
» Giornata del Laureato
» Africando
» Palio del Ticino
» BambInFestival 2019
» Festa del Roseto
» RisvegliAmo la Relazione: Io e l'Ambiente – II edizione
» Festa di Primavera: Mostra dei Pelargoni
» Next Vintage
» L'Università diventa una palestra
» GamePV

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Lo sguardo di Maria
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
» Leonardo e la Via Francigena a Pavia
» Mercatino del Ri-Uso a Borgarello
» Tracce
» IT.A.CÀ
» Una chiesa-museo tra Rinascimento e Barocco
» Mercatino del Ri-Uso – Nuova Vita alle Cose
» A tu per tu con l’antico Egitto
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 10048 del 12 settembre 2011 (3259) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Bove grasso e riso per Cergnago
Bove grasso e riso per Cergnago
Nel  settembre 1447, Francesco Sforza, succeduto a Filippo Maria Visconti nella Signoria di Pavia, è accampato a San Colombano per ricevere la Città di Pavia e poi man mano tutti i territori di Lomellina.
A questo avvenimento parteciparono tutti gli ambasciatori del territorio, tra cui anche Alberico Maletta - Conte Palatino, Signore di Cergnago e Cittadino pavese – che riceve Francesco Sforza a Cergnago in una giornata di caccia e di grandi festeggiamenti alla presenza di tutti i nobili e la popolazione del feudo.
 
Era già uso dei Visconti festeggiare il Natale con il “Bove Grasso”, che veniva procurato con l’offerta di 50 ducati donati dai Priori e Abati dei vari monasteri del territorio. La tradizione è mantenuta anche da Francesco Sforza, il quale indirizza una delle sue missive al Priore di Mortara e ad una lunga serie di ecclesiastici, chiedendo appunto il versamento di tale somma.
Tra i destinatari c’è anche l’Abate di San Pietro D’Erbamara: ecco perché nella rievocazione che caratterizza questa manifestazione, approfittando della “visita” di Francesco Sforza per la sottomissione del territorio, la festa culmina con la disputa del “Palio del Bove Grasso”, una giostra di cavalieri a difesa dei colori delle quattro contrade del Borgo: Castello con il colore rosso, Burio con il colore verde, Cavón con il colore blu e Madonnina con il colore bianco.
La contrada il cui cavaliere si aggiudicherà la vittoria, avrà il privilegio di consegnare direttamente al Conte il contributo dell’Abbazia d’Erbamara e custodirà per tutto l’anno, fino alla prossima festa, lo stendardo del feudo.
 
Nell’occasione si allestiscono il castello e il palco per la cerimonia di sottomissione, l’accampamento di milizie mercenarie al soldo di Francesco Sforza, il presidio del Capitano di Lomellina e scene di vita nel borgo rinascimentale: corporazioni di mestieri, vita contadina, vita al convento dell’abbazia…
Questo, nel dettaglio, il programma dalla’VIII edizione del Palio, affiancata dalla 30^ edizione della Sagra del Risotto, organizzata dalla Pro Loco di Cergnago e facente parte del circuito di iniziative dell’Associazione “Settembre In Lomellina”:
 
 Mercoledì 14 settembre
Ore 21.00 - Chiesa parrocchiale di S. Elena
Apertura manifestazione e benedizione del palio e dei vessilli di contrada
 
A seguire, nella piazza antistante la chiesa:
esibizione di tamburi, danzatori, giocolieri e mangiafuoco
 
 Giovedì 15, venerdì 16, sabato 17 settembre - Sagra del Risotto
Ore 20.00 - Centro polisportivo, tensostruttura
A pranzo e a cena sotto il tendone
Menù tipici lomellini, a base di risotto ai funghi porcini e turta virulà, e serate danzanti
 
 Domenica 18
Ore 12.30 - Centro polisportivo, tensostruttura
A pranzo e a cena sotto il tendone
Menù tipici lomellini, a base di risotto ai funghi porcini e turta virulà.

Per tutta la giornata, in paese:
ricostruzioni di luoghi e mestieri di un tempo; mercatino di hobbistica, artigianato, gastronomia
Al Centro Polisportivo:
accampamento delle milizie mercenarie al soldo di Francesco Sforza, con prove ultime armi da fuoco e duelli di lance e spade; milizia del capitano di Lomellina a difesa del territorio del feudo

Ore 15.00 -  Al Castello:
Il popolo attende Francesco Sforza, che arriva con le milizie mercenarie
Corteo storico fino al centro polisportivo per la disputa del Palio con arcieri, amazzoni, danze propiziatorie, omaggio del falco, scaramucce tra le milizie, chiarine, tamburi, giocolieri, giostra dei cavalieri...
 
Ore 20.00 - Centro polisportivo, tensostruttura
A pranzo e a cena sotto il tendone
Menù tipici lomellini, a base di risotto ai funghi porcini e turta virulà, e serata danzante.
 
 
 Informazioni 
Dove: Cergnago
Quando: dal 14 al 18 settembre 2011
Per informazioni: tel. 339/8834323 – e-mail: cons.sancrispino@tiscali.it

 
 
Pavia, 12/09/2011 (10048)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool