Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 21 ottobre 2019 (2591) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» A tutta zucca... Berettina!
» Sagra del peperone di Voghera
» Sagra della Lomellina
» La zucca è servita....
» 44^ Sagra della Rana
» 42^ Sagra della Ciliegia
» Sagra della Cipolla 2016
» La Dolcissima di Breme
» XVII Sagra delle Ciliegie della Valle Schizzola
» Sagra del Pursè negär
» Brasadé a Pasquetta
» Scarpadoro di Babbo Natale
» Dopo le rosse… le bionde!
» Mele d’Oltrepò
» Dorno e la sua zucca!
» Sagra delle ove contadine
» Sagra dell'anguilla e della trota
» Breme: A tutta “Cipolla Rossa DeCo"

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
» “Passeggia lentamente e assapora l’Oltrepò”
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 991 del 22 aprile 2003 (3435) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Sagra dell'asparago
Sagra dell'asparago

Si narra che Cesare, tornando dalla Gallia, fu invitato a pranzo da un ottimate milanese (nell'antichità cittadino influente per censo o per posizione sociale), tal Valerio Leonte, che gli offrì un piatto di asparagi conditi con il burro. Cesare e con lui i suoi luogotenenti, rimasero stupiti in quanto l'unico condimento da loro conosciuto era l'olio di oliva, per buona educazione mangiarono il piatto offerto, non sappiamo se fu gradito oppure no, di fatto, i semplici asparagi conditi al burro sono il modo migliore per gustarne ed apprezzarne il sapore.

La coltivazione di questo ortaggio, dalle origini asiatiche, non è semplice, perché richiede dei terreni leggeri di fondo sabbioso, ben profondi e concimati: grazie alle stratificazioni alluvionali del Ticino, il terreno di Cilavegna è ideale per questo tipo di coltivazione: l'asparago è coltivato in vaste aspargiaie nelle campagne circostanti il comune, e per preservare la qualità è sorto anche il Consorzio CONPAC a garanzia della genuinità e del pregio dell'asparago con il marchio DOC.

Cilavegna ha una lunga tradizione nella coltivazione dell'asparago, che da più di cinquecento anni, si distingue per la peculiare tenerezza e turgidità del turione e per il sapore raffinato, il periodo migliore per gustarlo è tra marzo e maggio, quando è particolarmente tenero e saporito. Anticamente gli si riconoscevano anche dei poteri medicamentosi: proprietà diuretiche, antidoto contro i veleni ed il mal di denti, degno alleato per favorire l'amore...leggero e digeribile.

A Cilavegna, da oltre quarant'anni, questo nobile ortaggio è festeggiato, nella seconda domenica di maggio, con una festa tutta sua: la Sagra dell'Asparago.

 
 Informazioni 
Per informazioni
Pro loco di Cilavegna
Tel. 0381/96333
Oppure
Biblioteca Comunale
Tel. 0381/660552
 
 
Pavia, 22/04/2003 (991)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool