Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 15 novembre 2019 (202) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Alto Adige
» Piemonte: le Doc
» Lombardia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
» Campagna Amica: tutti i giovedì a Pavia
» “Passeggia lentamente e assapora l’Oltrepò”
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 734 del 25 giugno 2001 (3110) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Valle d'Aosta
Valle d'Aosta

Iniziamo oggi un viaggio itinerante lungo la nostra penisola alla scoperta delle zone coltivate a vite, prestando particolare attenzione a tutte le Doc e Docg, e cercando di capire le differenze di produzione legate a clima, altitudine e configurazione del terreno.

Senza volervi tediare con un elenco di dati e numeri, è da rimarcare il fatto che negli ultimi anni, la produzione totale nazionale di vino ha riscontrato una progressiva diminuzione: questo fatto non è certo negativo se valutiamo il fatto che diametralmente opposta è la produzione di vini con denominazione di origine.

Insomma si produce di meno, ma meglio: molte regioni si attestano attorno al 50% di produzione di vini di pregio, mentre altre restano ancora legate a produzioni massicce destinate ad utilizzi differenti, quali la produzione di mosti concentrati, o la distillazione e l'utilizzo per la produzione di vermouth e vini fortificati. Il record numerico di produzione annualmente è conteso tra Puglia e Sicilia, che però si contendono anche il primato non proprio edificante della minore percentuale di vini di pregio (al di sotto del due percento).

La palma d'oro spetta al Trentino che raggiunge quasi il 70% di vini Doc, mentre la produzione minore la ritroviamo nella regione che consideriamo oggi, cioè la Valle d'Aosta che, per ovvie ragioni, produce poco più di trentamila ettolitri all'anno di vino, con una percentuale di Doc compresa tra il dieci ed il quindici percento.

Valle d'Aosta

Il territorio della Valle d'Aosta, è statisticamente considerato montuoso. La valle centrale, solcata dalla Dora Baltea, consente l'impianto delle viti, e la differenziazione del sottosuolo consente una certa diversificazione nella varietà dei vitigni. Nella bassa valle, il vitigno più coltivato è il nebbiolo ed in genere predominano i vini rossi; nella parte centrale della valle ritroviamo molti vitigni autoctoni che danno prodotti tipici, mentre nell'alta valle la viticoltura diventa veramente "eroica", basti pensare che il vitigno Blanc de Morgex sopravvissuto alla fillossera, resiste ad altitudini eccezionali, al limite della sopravvivenza della vite fin oltre i 1200 metri di altitudine.

L'unica Doc della regione riconosciuta con decreto ministeriale del 05/11/1992 è la "Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste" che prevede numerose tipologie di prodotti, tra i quali i più interessanti senza dubbio sono i seguenti:

  • Blanc de Morgex et de la Salle
  • Enfer d'Arvier
  • Torrette
  • Nus rosso o rouge
  • Nus malvoise
  • Nus malvoise passito o Nus malvoise flétri
  • Chambave rosso o rouge
  • Chambave moscato o muscat
  • Chambave moscato passito o Chambave muscat flétri
  • Arnad-Montjovet
  • Donnas

La prossima volta cominceremo il viaggio nel Piemonte, che certo non potrà essere valutato tutto in una sola volta, data la complessità e la grande quantità di vini prodotti.

 
 Informazioni 
 

Maurizio Villa

Pavia, 25/06/2001 (734)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool