Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 23 aprile 2021 (943) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I Poranelli di Porana
» Tradizioni a Certosa
» Voghera ed i suoi Mostardini!
» Alle radici dei sapori...
» Parona e le sue offelle!
» Biscotto il Cairoli!
» L'agnolotto gobbo
» Le tagliatelle di Santa Giuletta
» Brasadè e brasadlö
» La torta paradiso
» Menconico paradiso dei tartufi
» Il Gra.Car
» Il Gra.Car
» La Mozzarella bufala
» Il miccone pavese
» Rane: che bontà!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Apre in Varzi Bottega Oltrepò
» BirrArt 2019
» Birrifici in Borgo
» Musei divini
» "Dilecta Papia, civitas imperialis"
» Cioccovillage
» Birre Vive sotto la Torre Chrismas Edition
» Il buon cibo parla sano
» Zuppa alla Pavese 2.0
» Autunno Pavese: tante novità
» 18^ edizione Salami d’Autore
» Sagra della cipolla bionda
» Sagra della ciliegia
» Pop al top - terza tappa
» Birre Vive Sotto la Torre
 
Pagina inziale » Tavola » Articolo n. 714 del 12 luglio 2001 (4721) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Vita da salame...
Vita da salame...

...Non di uno qualsiasi, ma di quello di Varzi! E' tra i salami lombardi, insieme a quello Piacentino ed al Brianza, che possono vantare la Dop, denominazione di origine protetta, ed è prodotto nel comprensorio di Varzi.

Tenero al taglio, colore rosso vivo, sapore dolce e delicato, aroma fragrante e caratteristico, il salame di Varzi affonda le sue radici nell'antica tradizione contadina, che faceva del maiale uno degli animali più importanti del piano agro-economico della vita rurale. I ricchi pascoli, l'aria secca e salmastra, poi, favorirono maggiormente lo sviluppo di questa leccornia!

Si racconta che il re Longobardo Rotari emanò un editto con il quale concedeva l'allevamento dei maiali della zona collinare pavese, alla regina Teodolinda, estimatrice dell'insaccato nostrano. La regina, infatti, lo offriva in occasione dei suoi banchetti, e presto la fama della bontà del salame - attraverso la via del sale - si diffuse oltre l'appennino per giungere sino al mare.

La facile conservazione e le sue caratteristiche nutrienti, ne facevano un prodotto ideale per i popoli nomadi durante i lunghi spostamenti in tutta Europa; si racconta che, nel XII secolo, i Marchesi Malaspina, allora feudatari della Valle Staffora, lo presentarono agli ospiti della propria tavola come un alimento ricercato!

Onnipresente sulle tavole pavesi, il salame di Varzi trova il suo accoppiamento ideale con un altro prodotto tipico della zona: il miccone pavese!

Un consiglio: il salame di Varzi poco ama il caldo, mentre non teme gli ambienti secchi o umidi, ideali per la sua conservazione, inoltre, deve presentare una buona consistenza al tatto, al contrario, l'eccessiva morbidezza denota una stagionatura non ottimale.

 
 Informazioni 
 

Delia Giribaldi

Pavia, 12/07/2001 (714)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2021 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool