Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 27 gennaio 2020 (1055) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I tempi, i luoghi, gli uomini della Battaglia di Pavia
» I Re Magi
» Appuntamento in museo
» Tra il 224 e il 220 a.C. - I parte
» Tra il 220 e il 218 a.C.
» Tra il 224 e il 220 a.C - III parte
» Tra il 224 e il 220 a.C. - II parte
» Arriva Gesù
» Una curiosa leggenda
» Tra il 550 e il 225 a.C. - III parte
» Quella Madonna che viene da lontano...
» Il Santo del prosciutto - II parte
» Il Santo del prosciutto
» Tra il 550 e il 225 a.C. - II parte
» Tra il 550 e il 225 a.C. - I parte
» Tra l'800 e il 500 a.C.
» San Siro
» La greenway del saladino
» Natale 1808: aspettando Ugo Foscolo
» I Longobardi e la presa di Pavia

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 651 del 28 giugno 2000 (6737) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
I Celti alle nostre origini
I Celti alle nostre origini

Le prime memorie riguardanti il nostro territorio risalgono a prima dell'arrivo dei Romani. Alla confluenza del Ticino nel Po esistevano ampie foreste e paludi.

Il lato meridionale della valle del Po era abitato da popolazioni liguri, sul terrazzo settentrionale del Ticino i Liguri si incrociarono con i Celti, a partire dal 400 a.C. I Liguri sono oggi considerati come uno dei più antichi popoli che abbiano abitato in Europa.

Quando giunsero i Romani, le tribù liguri della nostra zona si chiamavano: Levi, Marici, Celelati e Cercidiati. I Celti (noti anche come Galli) usavano già il sapone, inventarono i cuscinetti a rulli e usavano una tecnologia agricola piuttosto sviluppata.

Erano bellicosi, esperti nell'uso di frecce avvelenate. Erano uomini dai gusti raffinati, ma non conoscevano la scrittura. Uomini che non conoscevano la paura. Una sola cosa temevano, ed è rimasta leggendaria: che il cielo potesse un giorno cadere sulla loro testa.

La via fluviale era importante, in un'epoca in cui non esiste-vano strade agevoli e non era possibile trasportare ingenti carichi per via di terra.

Il grande fiume scorre da tempo immemorabile, forma isole e sabbioni, porta via boschi e case, seppellisce armi, ossa, tracce di antiche civiltà.

Sulle sue rive, un giorno, I resti di una "città" che sorgeva a monte di Pavia, nel nostro territorio, sono forse stati portati via dallo scorrere delle acque del Ticino.

 
 Informazioni 
 

Alberto Arecchi

Pavia, 28/06/2000 (651)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool