Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 9 luglio 2020 (924) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Ultrasound Piccola Grande Etichetta
» Suoni dell'altro mondo al Passo Penice
» Il muto dall'accia al collo
» Puliamo il mondo 2003
» I Back to the Beatles per Marco Pazzi
» Il catalogo dell'800
» Ludovico Sinistrari e la demonialità
» Sirene
» Orologi solari & meridiane
» La Torre che non c'è più
» La Torre Civica
» La Torre Civica - Galleria Fotografica
» Vino e cibo al top!
» La salsiccia del Ponte
» Non è mai troppo tardi
» Natale Pop Live 2001
» Siamo ancora "in alto mare", ma va un pò meglio
» La mostra della laguna colpisce ancora
» Il vino nei secoli
» Palazzo o grotta?

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 535 del 13 giugno 2000 (8208) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La Quadreria dell'800
La Quadreria dell'800

Si sono arricchiti di un nuovo segmento espositivo dedicato alla pittura dell'Ottocento, i Musei Civici di Pavia.

Nelle sale del primo piano del trecentesco Castello Visconteo si è inaugurata l'8 aprile scorso la Pinacoteca dell'Ottocento.

L'allestimento è composto da una selezione di ottanta dipinti di grande valore, per anni conservati nei depositi del castello e oggi finalmente restituiti a nuova vita.

Le opere provengono da collezioni private cittadine e, soprattutto, dalla Quadreria della Civica Scuola di Pittura istituita nel 1840 da Defendente Sacchi.

La scuola, diretta tra gli altri da Giacomo Trecourt, produsse allievi di talento come Federico Faruffini e Tranquillo Cremona e diventò cenacolo d'arte per pittori lombardi, mecenati e collezionisti che alla Galleria destinarono parte delle loro scelte raccolte.

Dopo la Pinacoteca Malaspina (con opere dal XIII al XVI secolo) e la Pinacoteca del '600 e '700 ecco che questa nuova sezione va a raccontare il percorso della pittura, soprattutto lombarda, dal primo Neoclassicismo al pieno Simbolismo.

L'accusa segreta

Perla della collezione l'Accusa Segreta, del maestro del Romanticismo italiano Francesco Hayez, dipinta su ispirazione di romanze di soggetto veneziano del poeta Andrea Maffei.

Dell'Hayez si possono anche vedere la Riconciliazione di Ottone II con Adelaide di Borgogna (ispirata ad un episodio del Medioevo pavese) e l'Autoritratto in veste di doge.

Valgono una visita anche i lavori di Giacomo Trecourt, pittore prediletto dalla committenza borghese cittadina: il celebre Autoritratto in costume orientale e il Lord Byron sulle sponde del mare ellenico.

 
 Informazioni 
Orari: dal martedì al venerdì: 9.00-13.30, sabato e domenica: 10.00-19.00 (marzo/giugno - settembre/novembre); dal martedì al sabato: 9.00-13.30, domenica: 9.00-13.00 (luglio/agosto - dicembre/febbraio)
 

Elettra Aldani

Pavia, 13/06/2000 (535)

RIPRODUZIONE VIETATA
www.miapavia.com è testata giornalistica, il contenuto di queste pagine è protetto dai diritti d'autore.
In caso di citazione o utilizzo, si prega di evidenziare adeguatamente la fonte.



MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool