Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 31 maggio 2020 (1100) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Tra boschi e valli d'or...
» Pane e miele in piazza
» Falò di sant'Antonio
» Biscotti di Natale
» ... Bolliti che bontà!
» Valentino: ancora tu?
» E' di nuovo Natale...
» Budino di Natale
» Il salto della rana
» Il candy cane
» I san sirini
» Il picnic di Pasquetta
» Vino novello al Castellazzo di Montù Beccaria

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Torna a Pavia il Mercatino del Ri-Uso
» Dame e Cavalieri di oggi e di ieri
» Visita gratuita ai luoghi di San Riccardo Pampuri
» Un sabato al Museo per la Storia dell'Università
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Natale in museo per bambini
» Leonardo e l'antico Ospedale San Matteo di Pavia
» Torre in Festa
» Museo per la Storia - apertura sabato
» Mortara e Primo Levi
» Pavia in posa, da Hayez a Chiolini
» Al Passo con il Naviglio Pavese
» Lo sguardo di Maria
» A tu per tu con l'opera: Pietro Michis
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera kids
 
Pagina inziale » Turismo » Articolo n. 4589 del 8 settembre 2006 (5660) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Il 'Palio del Bove Grasso'
Il 'Palio del Bove Grasso'
Era già uso dei Visconti festeggiare il Natale con il “Bove grasso”, che veniva procurato con l’offerta di 50 ducati donati dai Priori e Abati dei vari monasteri del territorio.
La tradizione è mantenuta anche da Francesco Sforza, il quale indirizza una delle sue missive al Priore di Mortara e ad una lunga serie di ecclesiastici, chiedendo appunto il versamento di tale somma.
 
Tra i destinatari – spiega Patrizia Merati della pro loco di Cergnago promotrice dell’evento -  c’è anche l’Abate di San Pietro D’Erbamara (abbati Sancti Petri de Herbamata): ecco perchè, nella nostra Rievocazione, approfittando della “visita” di Francesco Sforza per la sottomissione del territorio, la festa culmina con la disputa del Palio del Bove Grasso per aggiudicarsi il “privilegio” di consegnare direttamente al Conte il contributo dell’Abbazia d’Erbamara.
 
Il “Palio del Bove grasso”, consiste in una Giostra dei Cavalieri a difesa dei colori delle quattro contrade del Borgo: Castello con il colore rosso, Burio con il colore verde; Cavòn  con il colore blu e Madonnina con il colore bianco.
La contrada il cui cavaliere si aggiudicherà la vittoria, avrà il privilegio di consegnare, a nome dell’abate di Erbamara – padre Domenico Baldassare Sacco – i 50 ducati d’oro per l’acquisto del bove grasso per il natale di Francesco Sforza e custodirà per tutto l’anno, fino alla prossima festa, lo stendardo del feudo.
 
Per assistere alla simpatica manifestazione ecco il programma dettagliato di domenica 17 settembre:

ore 12.30
Pranzo

ore 15.00
inizio rievocazione storica Palio del Bove Grasso e sottomissione del feudo di Cergnago a Francesco Sforza Dal castello: partenza del corteo storico (Palio delle Contrade di Vigevano)

ore 15.30 al centro polisportivo
Cerimonia di sottomissione
Giostra di cavalieri per la disputa del palio del bove grasso tra le quattro contrade del borgo
Gruppo storico Antico Borgo Manzola
Esibizione di chiarine e dei tamburini del Palio delle Contrade di Vigevano

ore 17.00
Distribuzione gratuita del famoso risotto con i funghi di Cergnago

ore 20.00
Cena e serata danzante


 
 Informazioni 
Quando: domenica 17 settembre dalle ore 12.30
Dove: Cergnago (PV)

 
 
Pavia, 08/09/2006 (4589)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool