Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
sabato, 28 novembre 2020 (327) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Una nuova luce su Pergolesi
» Festival Ultrapadum: 25^ edizione
» PaviaPhone - Aprile
» Le nuove uscite del nuovo anno
» Concorso Lirico Internazionale “Teatro Besostri”
» Montalto Pavese come Buenos Aires
» Borghi&Valli: anteprime di giugno
» La musica rinascimentale e la musica barocca
» Roberto Durkovic: Oltre il ponte
» Oh questa è bella!
» Rock Valley Festival
» Hildesheim e Pavia gemellati in musica
» "Un Anno Incantato"
» La musica barocca di Vox Organi
» Guido Bolzoni: Happening
» Silvio canta Negroni
» “I Tesori di Orfeo”, IV edizione
» Dai classici a Gershwin
» Sinfonie … al TeSS
» Viaggi è Gospel!

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Il Mio Film. III edizione
» Incontro al Caffè Teatro
» Nel nome del Dio Web
» La Principessa Capriccio
» Fra moglie e marito… Drammi del linguaggio
» Gran Consiglio (Mussolini)
» La Farina Dal Diaul La Finisa In Crusca
» Corpi in gioco
» Guglielmo Tell
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Petit Cabaret 1924
» La Tempesta
» Crossroads 2019 - Il Cinema dei percorsi di fede
 
Pagina inziale » Spettacoli » Articolo n. 4363 del 14 giugno 2006 (3861) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Festival Borghi e Valli dell'Oltrepò
Festival Borghi e Valli dell'Oltrepò
Un viaggio musicale attraverso i luoghi più belli e suggestivi dell'Oltrepò: una serie di 20 concerti, con artisti di assoluto livello: sta per partire la tredicesima edizione del "Festival Borghi e Valli dell’Oltrepò.
 
La rassegna, organizzata dall’associazione Amici della Musica (Casteggio - Oltrepò)", è ormai divenuta un appuntamento tradizionale per il territorio della provincia. Direttore artistico della manifestazione è il Maestro Ennio Poggi, pianista e direttore d'orchestra nonché docente di Pianoforte Principale presso il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Milano.
 
La caratteristica del Festival - afferma Poggi - è quella di abbinare proposte musicali di qualità ai luoghi più incantevoli del territorio, in una strategia di valorizzazione globale e integrata delle risorse artistiche e naturali che caratterizzano la nostra zona, facendone davvero un unicum, degno di essere apprezzato.
 
Il concerto d'apertura è previsto per mercoledì 14 giugno, alle 21.15, presso la Certosa Cantù di Casteggio. Protagonista lo stesso Conservatorio “Verdi” di Milano, che proporrà all’attenzione degli appassionati due giovani talenti della propria scuola: si tratta del “Duo Armonia”, composto dalla flautista Sonia Zichella e dalla pianista Inessa Filistovich, le quali hanno già ottenuto importanti riconoscimenti sotto il profilo artistico.
 
Il titolo della serata inaugurale ("Cominciamo da C come Conservatorio") intende ribadire - sottolinea Poggi - che tra le nostre finalità c'è anche quella di promuovere lo studio della musica; certo non è un caso che ad aprire il Festival siano due vere promesse, in attesa solo della definitiva consacrazione. Spazio, insomma, alle nuove leve e ai talenti emergenti della musica italiana e internazionale, a cui offriamo l'occasione per farsi apprezzare da un ampio pubblico, in un periodo difficile per chi vuole intraprendere la professione della musica.
 
Per la programmazione degli eventi - aggiunge il Maestro - ci siamo attenuti ad alcuni criteri fondamentali: innanzi tutto, la varietà delle proposte. Infatti, i concerti cameristici si alternano ai recital lirici, mentre il gospel dei neri d’America convive, ad esempio, con i canti e le danze del popolo cosacco. Non solo. Dopo l’ardito, ma riuscito esperimento dello scorso anno, con l’esecuzione integrale del “Trovatore”, quest’anno siamo lieti di offrire il bis con un altro capolavoro dell’opera italiana: il “Barbiere di Siviglia”, di Gioacchino Rossini, in programma giovedì 20 luglio, a Casteggio, nel Cortile della Certosa Cantù.
 
Il Festival, tuttavia, non poteva dimenticare che il 2006 è l’anno di Mozart; per questo, sarà riproposto l’ascolto dello splendido “Requiem” (domenica 23 luglio, nella Basilica di San Pietro, in Broni) nonché di altre composizioni, altrettanto affascinanti, scritte dal genio di Salisburgo. Ma, insieme con Mozart, nell'ambito delle grandi celebrazioni, saranno ricordati anche Shumann e Sostakovich, con un concerto per due pianoforti (sabato 9 settembre, di nuovo presso la Certosa Cantù di Casteggio), che vedrà protagonista il "Duo Bechstein", formato proprio dal Maestro Poggi e da Laura Beltrametti, concertista e preziosa consulente della rassegna oltrepadana.
 
Abbiamo curato in modo particolare pure il settore relativo alla musica etnica - spiega il direttore artistico - il ciclo inizierà nel pomeriggio di domenica 18 giugno, alla Buca di Salice Terme, con lo spettacolo dei "Cosacchi di Penza", la cui performance promette faville sotto il profilo spettacolare; e proseguirà poi con il gospel (giovedì 6 luglio, a Redavalle), con il folclore russo (mercoledì 2 agosto, a Fortunago) e messicano, con l'esibizione dei "Los Mariachi de Atlixco", in calendario domenica 6 agosto a Montebello della Battaglia, presso Palazzo Bellisomi.
Come di consueto, la rassegna si chiuderà al Castello di San Gaudenzio: giovedì 21 settembre, il pianoforte di Ennio Poggi farà da ideale commento sonoro alle parole del noto scrittore pavese Mino Milani, nel corso di una suggestiva serata che si dipanerà fra musica e letteratura.
 
Già fin d'ora - commenta inoltre il Maestro Poggi - voglio ringraziare tutti coloro (enti pubblici e privati collaboratori) che, a vario titolo, hanno sostenuto e reso possibile l'organizzazione del Festival. Rivolgo infine un saluto particolare agli appassionati di musica, in attesa che ancora una volta accorrano numerosi ai nostri concerti.
 
 Informazioni 
 

Comunicato Stampa

Pavia, 14/06/2006 (4363)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool