Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 19 gennaio 2020 (454) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Al Borromeo l'omaggio a Beethoven
» Corpi in gioco
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Guglielmo Tell
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» Biodiversità degli animali
» Il sogno di Peter Pan
» Le signorine
» Grease
» Concerto di Natale - Merry Christmas in Jazz & Gospel
» Petit Cabaret 1924
» Festival di Natale - ¡Cantemos!
» Uno:Uno. A tu per tu con l'opera - Sull'onda dello Ukiyo-e
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» La Tempesta
» Natale in museo per bambini
» Festival di Natale - El Jubilate

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Il "Duchetto" di Pavia
» Libri al Fraccaro
» Il telero di Tommasi Gatti restaurato
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Canti e storie nel bosco incantato
» La notte dei cantastorie
» Oltre lo sguardo
» L'altro Leonardo
» Looking for Monna Lisa
» Pavia Art Talent: una fiera per l'arte accessibile
» Incontro con Giorgio Scianna
» Custodire la memoria. Incontro con Giovanni Paparcuri
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15822 del 8 gennaio 2020 (88) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
La cospirazione dei tarli
La cospirazione dei tarli

«Ho tolto il suo peso a un uomo perduto»: La cospirazione dei tarli può essere letto come una biografia poetica di Cervantes. I tarli non sono quelli in una vecchia edizione del Don Chisciotte: sono tarli mentali eppure reali.

Infatti questo libro racconta anche la storia di Francesco Pacheco, quel pittore che dipinse tutti i più grandi personaggi spagnoli del suo periodo a eccezione di Cervantes. La ragione è curiosa: Pacheco era ossessionato dal rumore dei tarli nella tela e non riuscirà mai a terminarne l'opera. Spetterà così solamente a Cervantes costruire passo dopo passo la sua vicenda personale e letteraria attraverso la figura del Chisciotte, perché «chi tradisce una segreta abitudine è sotto minaccia di una stagione di fuoco».

Con l'autore Andrea De Alberti ne parla Gino Cervi mercoledì 15 gennaio 2020 alle 17.30 nel Salone Teresiano della Biblioteca Universitaria di Pavia.

Andrea De Alberti è nato a Pavia (1974) dove si è laureato in Lettere moderne. Ha collaborato con il Fondo manoscritti di autori moderni e contemporanei creato da Maria Corti, curando con Mario Bignamini il catalogo Tra le carte di Quasimodo. Poesie, traduzioni, lettere (Pavia 2004). Suoi testi sono usciti nell'Ottavo quaderno italiano a cura di Franco Buffoni (Marcos y Marcos). Ha pubblicato una monografia sul Teatro dei Sensibili di Guido Ceronetti (Bergamo 2003) e le raccolte di poesie In presenza del fantasma nell'Ottavo Quaderno Italiano di Poesia Contemporanea a cura di Franco Buffoni (Milano 2004), Solo buone notizie, (Interlinea 2007), Basta che io non ci sia (Manni 2010), Litalìa (La Grande Illusion 2011) e nel 2017 Dall'interno della specie per Einaudi. È presente in diverse riviste e antologie di poesia tra le quali Nuovi poeti italiani in "Nuova corrente", 135 (2005) a cura di Paolo Zublena. Dopo un'esperienza lavorativa in ambito editoriale ha deciso di lavorare come i nonni in un'osteria.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano - Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Corso Strada nuova 65
Quando: mercoledì 15 gennaio 2020
Orario: 17.30
 
 
Pavia, 08/01/2020 (15822)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool