Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
giovedì, 15 novembre 2018 (160) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festival del Sorriso
» Spirito di Copenaghen
» La terra di sotto. Il business dei rifiuti
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» 150 anni morte Gioacchino Rossini - Petite Messe Solennelle in Carmine
» Si sta come d’autunno
» Quello che i semi non dicono
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» I mille sapori di una passeggiata con l'autore
» Una fame mostruosa
» Sfalloween
» Il rischio di educare
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Sul Fiume Azzurro con i nostri amici a 4 zampe
» Mistero Buffo
» Uno Stradivari al Castello Visconteo di Pavia
» Il mantello di Don Giovanni
» La Giustizia del Buonsenso
» I manoscritti datati
» Il buon cibo parla sano

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Circolo di lettura
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» Si sta come d’autunno
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il rischio di educare
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» Tra il vento e la neve Storie di prigionieri italiani nella Grande Guerra Pavia
» Gek Tessaro e il suo Pinocchio
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15379 del 5 novembre 2018 (202) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
AgriCultures
AgriCultures

Fino a domenica 11 novembre in Santa Maria Gualtieri, sarà visibile la video installazione AgriCultures di Antonio Pacor Bettina Gozzano. L’opera che interseca video-arte e frammenti di documentari sarà accompagnata da un incontro sull’importanza dei semi e delle conoscenze contadine per la tutela della biodiversità e da una performance di musica e danza indiana.

AgriCultures 
è un progetto di social art che nasce da una reale vicinanza alla terra. Gli autori hanno girato il mondo per filmare e intervistare i piccoli agricoltori. Il risultato è un caleidoscopio di immagini dell’universo contadino che si intrecciano a gesti millenari, saperi e culture. La prospettiva di AgriCultures è promuovere un’agricoltura sana, agroecologica e di piccola scala. Offre l’occasione per interrogarsi sulle buone pratiche utili ad affrontare la crisi dell’alimentazione mondiale, per conoscere movimenti e ong che si battono per una sana e giusta alimentazione e per un’agricoltura biologica.

La video installazione è suddivisa in più spazi. Nel primo il visitatore è introdotto ai concetti di agroecologia, semi, cambiamento climatico, sovranità alimentare e land grabbing. Nel secondo spazio il video Voci racconta attraverso le testimonianze di agricoltori, italiani e provenienti da tutto il mondo, le esperienze e le lotte per difendere la Terrae i Semi, preda di grandi interessi economici. Nello spazio principale, invece, si potrà assistere all’opera Acqua Terra Uomo. Con Acqua lo spettatore si troverà immerso in ipnotiche gocce d’acqua che rappresentano la creazione, con Terra a catturare l’attenzione saràun flusso di immagini che spaziano dalle risaie di Battuda nel pavese, all’Himalaya, dall’Africa e al Sud America. I video mostrano immagini sospese nel tempo come quelle dei campi di farro monocco,  il più antico cereale “addomesticato” dall’uomo, quasi diecimila anni fa. Con Uomo lo spettatore osserverà le pietre dei mulini indiani che scandiscono il passare del tempo e le loro clessidre di farina che si mescolano al lavoro dei contadini. 

Dopo l’inaugurazione del 5 novembre il programma della manifestazione prevede mercoledì 7 novembre alle ore 18.00 l’incontro “Semi di resistenza” con la proiezione dei video “Rechanna il custode dei semi”. All’incontro parteciperanno Alessandra Turco, contadina di Associazione Rurale Italiana e membro de La Via Campesina, Tonino Mancino, contadino dell’Associazione Michele Mancino, Daniela Ponzini agronoma dell’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica Lombardia e Antonio Pacor, documentarista del collettivo FocusPuller. Modera Marta Gatti, giornalista. Venerdì 9 alle ore 20.30 ci sarà la proiezione del video “Amrita Bhoomi” e a seguire, ad ingresso libero, un concerto di musica tradizionale indiana con Neela Bhagwat e Amarendra Dhaneshwar al canto, Federico Sanesi al Tabla e Nuria Sala alla Danza.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Santa Maria Gualtieri
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da lunedì 5 novembre 2018 a domenica 11 novembre 2018
Orario: lunedì dalle ore 17 alle 20, dal martedì al giovedì dalle 16 alle 20, venerdì dalle ore 16 alle 23. sabato e domenica dalle ore 11 alle ore 19. Per scuole e università apertura su prenotazione
Note: La video installazione sarà visitabile ad ingresso libero 

 
 
Pavia, 05/11/2018 (15379)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool