Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 30 ottobre 2020 (193) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Squali, predatori perfetti"
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» Lady Be Mosaici Contemporanei
» Oltre lo sguardo
» Looking for Monna Lisa
» Attraverso i nostri occhi
» Un patrimonio ritrovato
» Spazio sospeso
» Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell'arte giapponese
» EXIT hotel fantasma in provincia di Pavia
» Colore e tempo
» Il paesaggio geometrico italiano di origine Romana
» Per un capriccio. 12 opere per Paolo Della Grazia
» "I colori della speranza"
» Sopra il vestito l'arte:dialogo d'artista
» Prima che le foglie cadano
» La bellezza della scienza
» Mostra "Natura ed artificio in biblioteca"
» Schiavocampo - Soddu
» De Chirico, De Pisis, Carrà. La vita nascosta delle cose

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Vacchi e Bossini agli Incontri Musicali del Collegio Borromeo
» Carnevale al Museo della Storia
» Leonardo e Vitruvio. Oltre il cerchio e il quadrato
» Vittorio Sgarbi e Leonardo
» Narrare l'Antico: Sole Rosso di Grazia Maria Francese
» Squali, predatori perfetti"
» Visual Storytelling. Quando il racconto si fa immagine
» I linguaggi della storia: Il formaggio e i vermi
» Giornata della memoria. Il cielo cade
» Pretesti per una mostra. Sergio Ruzzier a Pavia
» La Storia organaria di Pavia
» Postazione 23
» Libri al Fraccaro
» Il "Duchetto" di Pavia
» La cospirazione dei tarli
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15202 del 17 maggio 2018 (1124) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
Incontri d’Arte: Tomoko Nagao

L’arte di Tomoko Nagao (Nagoya, 1976)  ha un approccio propenso alla contaminazione dei linguaggi e aderisce all’esperienza culturale Neo-pop e Superflat, capace di elaborare dei dispositivi a lettura stratificata e solo apparentemente banali: a un primo livello, infatti, assistiamo all’innesto della tradizione giapponese delle Anime nei miti della cultura occidentale, già peraltro setacciati dalla lunga esperienza Pop, da Caravaggio a Leonardo da Vinci, da Botticelli a Tiziano, a Velasquez, dalla scuola di Fontainebleau a Delacroix. In questa contaminazione e rilettura stridono le icone del mondo contemporaneo dei brand più famosi, introdotte con gusto tra l’ironia e la satira.

Un secondo piano interpretativo riguarda la scelta dei soggetti della tradizione, che interessano spesso figure femminili sottilmente erotiche o miti della bellezza occidentale, tradotti nell’estetica kawaii: figure che l’artista intende riabilitare come icone eroiche di una femminilità sempre soggetta alla violenza stereotipata della cultura dell’occhio maschile, da cui vorrebbero una volta per tutte liberarsi e irrompere come protagoniste. Ne consegue un ulteriore e più intimo senso dell’operare, che è connesso alla propria esperienza di donna artista nel mondo dell’arte, con le difficoltà e le ambiguità che la vicenda creativa comporta, ma intende allargarsi alla condizione femminile giapponese contemporanea, sempre più fragile e tuttavia abile a celare il dramma più sofferto dietro un’icona felice e spensierata.

Per il Museo di Archeologia dell’Università di Pavia Tomoko ha scelto di intervenire ironicamente sul tema della “testa”, partendo dalla testa di giovane da una mummia egizia conservata nelle teche del piccolo museo. Una grande Medusa, ispirata a Caravaggio e all’antico, accoglie il visitatore con i suoi ambigui riflessi offerti dal tecnologico supporto vinilico. Negli allestimenti storici l’artista ha installato dieci sculture Salomè (2018), una testa di fanciulla su un piatto, con varianti cromatiche, in dialogo con i reperti. All’esterno ha richiamato l’attenzione del suo intervento con due Salomè (2018) in grandi dimensioni e colorate a smalto (realizzate con la stampa 3D) installate nel cortile delle Statue e in quello delle Magnolie.

La versione Micro-Pop di Salomè inventata da Tomoko Nagao è una creazione originale e autonoma che diviene un’icona felice, spensierata, graziosa. L’artista si rifà idealmente al mito di Salomè di primo novecento, ma lo cambia di segno e ne sposta il significato in chiave decisamente femminile: sul piatto, infatti è la stessa testa di Salomè, come una bellezza vittima della società dei poteri forti maschili. La testa, apparentemente gioiosa e spensierata, con una goccia di sangue “animata” a cui tutti facilmente si affezionano, diviene immagine di una bellezza che nasconde una sofferenza tragica e un tradimento: dietro la sua apparenza gentile la donna è, in verità, l’oggetto di un mondo di desideri maschili e di poteri più o meno occulti che la dominano e vogliono la sua testa su un piatto di portata.

 

 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Museo di Archeologia dell'Università di Pavia
Indirizzo: Corso Strada Nuova 65
Quando: da sabato 26 maggio 2018 a mercoledì 20 giugno 2018
 
 
Pavia, 17/05/2018 (15202)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2020 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool