Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 18 novembre 2018 (612) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Festival del Sorriso
» Spirito di Copenaghen
» La terra di sotto. Il business dei rifiuti
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» 150 anni morte Gioacchino Rossini - Petite Messe Solennelle in Carmine
» Si sta come d’autunno
» AgriCultures
» Quello che i semi non dicono
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» I mille sapori di una passeggiata con l'autore
» Una fame mostruosa
» Sfalloween
» Il rischio di educare
» Viaggio nel lato oscuro dell'universo
» Sul Fiume Azzurro con i nostri amici a 4 zampe
» Mistero Buffo
» Uno Stradivari al Castello Visconteo di Pavia
» Il mantello di Don Giovanni
» I manoscritti datati
» La Giustizia del Buonsenso

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Marco Bianchi e "La cucina delle mie emozioni"
» Circolo di lettura
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» Carta... canta! L'immagine del rock tra fotografia e archivi
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Si sta come d’autunno
» AgriCultures
» I disegni alla cieca di Tiziano Pantano
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il rischio di educare
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» Tra il vento e la neve Storie di prigionieri italiani nella Grande Guerra Pavia
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15197 del 11 maggio 2018 (242) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento
Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento

In occasione del Maggio dei libri, la Biblioteca Universitaria di Pavia è lieta di presentare il volume di Bruno Maida L'infanzia nelle guerre del Novecento. Con l'autore dialogherà Giorgio Boatti

Benché rimangano le vittime principali, i bambini diventano al contempo veri e propri attori dei conflitti armati. È un processo progressivo e differenziato a livello mondiale sul piano dei tempi, della geografia, delle dimensioni e delle caratteristiche stesse delle guerre, da quelle di massa della prima metà del Novecento a quelle locali, fino ai conflitti asimmetrici post-novecenteschi.

Bruno Maida intende raccontare quelle vicende, ponendo una particolare attenzione ad alcuni temi specifici: la legislazione internazionale per la protezione dei bambini nelle guerre, che si è però accompagnata a un loro crescente coinvolgimento; il trauma e la resilienza, attraverso i quali i bambini si rivelano non semplici soggetti passivi bensì persone capaci di profonda rielaborazione e adattamento; i linguaggi per raccontare quelle esperienze, dalle parole ai giochi ai disegni.
Nei disegni di guerra fatti dai bambini le strade sono molto rare e non collegano mai due luoghi. Tutto si riduce a un punto dove c'è il corpo senza vita di qualcuno oppure un veicolo brucia. Metafora di una vita sospesa, l'assenza di strade rinvia alla responsabilità degli adulti che devono costruirle e aiutare i bambini a ritrovarle. La guerra è una frattura profonda nella vita di chi ne faccia esperienza, condiziona i comportamenti successivi, sedimenta le memorie che si radicano nell'identità. Lo è ancora di più per l'infanzia per la quale la guerra coincide con il tempo della formazione, della definizione di se stessa, della costruzione di un proprio sguardo sul mondo.

Che siano stati mobilitati, resi protagonisti passivi o attivi della violenza, colpiti da traumi e perdite, rimasti soli oppure, al contrario, attraversino il tempo della guerra protetti e non invasi dagli effetti più laceranti, i bambini sono stati in ogni caso sempre più coinvolti e condizionati dai conflitti armati del Novecento e gettati sulla scena fino a trasformarsi, nella seconda metà del secolo, in veri e propri combattenti. E ciò è accaduto all'interno di un paradosso: all'affermarsi e al diffondersi di un sistema di protezioni nazionali e internazionali per i civili nei contesti di guerra, con un'attenzione specifica nei confronti dei bambini, è corrisposto un progressivo e crescente coinvolgimento diretto e indiretto dell'infanzia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Salone Teresiano - Biblioteca Universitaria
Indirizzo: Corso Strada nuova 65
Quando: mercoledì 16 maggio 2018
Orario: 17.00
 
 
Pavia, 11/05/2018 (15197)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool