Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
venerdì, 18 gennaio 2019 (471) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» MIMOries
» Inciampare per Ricordare
» Pinocchio, Le Avventure di un sognatore
» Cantata anarchica per De André
» 515 storie con Fabrizio De André
» Giacomina e i fagioli magici
» Al cinema insieme
» 5^ Scarpadoro di Babbo Natale
» A tu per tu con l'opera Kids
» Dolci Storie
» Inaugurazione APP museale
» I Canti di Natale: piccola lezione con interventi musicali
» Conversazione pavese con Jole Garuti
» Natale dai Mondi
» «e così spero di te»
» Dialoghi sulle mummie
» A tutto museo
» Cities for Life 2018 - Città per la Vita, Città Contro la Pena di Morte
» Genesis a Pavia: io c'ero
» In forma...con pochi accorgimenti

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Laboratorio di calligrafia
» Inciampare per Ricordare
» Corso di Fotografia Digitale
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» 515 storie con Fabrizio De André
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» Oltrepò Pavese. L'Appennino Lombardo
» Booktrailer Contest
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» A tu per tu con Massimo Tammaro
» Conversazione pavese con Jole Garuti
» «e così spero di te»
» All'origine delle guide turistiche
» Dialoghi sulle mummie
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15091 del 12 marzo 2018 (984) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Filosofia e poesia secondo Massimo Cacciari
Filosofia e poesia secondo Massimo Cacciari

Proseguono anche nel 2018 le celebrazioni del 450° anniversario del Collegio Ghislieri. Dopo le visite istituzionali delle più alte cariche dello Stato, il ricco ciclo di lezioni magistrali con grandi intellettuali (Giovanni Bignami, Ilaria Capua, Paolo Mieli e Francesco Sabatini tra gli altri) e la recente lectio di Paolo Grossi, il Collegio Ghislieri ospiterà il filosofo Massimo Cacciari per una conferenza su Filosofia e Poesia.

 
L’incontro con Cacciari verterà sul nodo tra filosofia e poesia, “sorelle rivali” che però affondano le proprie radici, entrambe, nel pensare. Questo polemos tra il pensiero filosofico e il linguaggio poetico segna l’intera storia del pensiero occidentale, a partire dal primo grande critico della poesia che fu Platone, e segna anche il senso comune di oggi. La poesia è infatti spesso descritta come un linguaggio accessorio e inessenziale, come un’espressione marginale e mai necessaria. Di fronte a questo fronte di anti-poesia, essa non può che costruirsi come “scuola di resistenza”, dovendosi innanzitutto giustificare per esistere. E in questo movimento di resistenza si pone anche Cacciari. Il filosofo, infatti, inviterà a riflettere sulla necessità propria della poesia, per certi tratti precedente e prioritaria alla filosofia stessa. Solo la poesia, infatti, può veicolare l’abissalità, l’oscurità originaria del reale e il suo enigma.

Lungi dall’essere una fantasia inutile, la poesia apre alla dimensione più originaria del linguaggio, di un linguaggio che non ci appartiene, ma che è, al contrario, una potenza originaria a cui apparteniamo, che ci contiene. Una tale potenza non può veicolarsi nel dominio del pensare filosofico, dominio della luce e non dell’oscurità: la filosofia è infatti al servizio della significazione e, per questa ragione, non può accostarsi a quella dimensione originaria a cui dà accesso solo la parola poetica. 
 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Aula Goldoniana del Collegio Ghislieri di Pavia
Indirizzo: piazza Ghislieri
Quando: martedì 13 marzo 2018
Orario: 18.00
Note:  ingresso libero

 
 
Pavia, 12/03/2018 (15091)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool