Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
domenica, 27 maggio 2018 (752) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» Exist
» Una Storia Militante
» Incontri d’Arte
» Mostra d'arte leggera e inconsapevole
» Cantami o diva - donne del mito greco
» Rinnovare l’antico
» Urbex Pavia Rewind
» Dal mare i segni – da Albissola alla corte di Ludovico
» Goya. Follia e ragione all’alba della modernità
» I volti che hanno cambiato la storia
» Pavia ricorda Johann Peter e Joseph Frank
» Catalogna bombardata
» Futurismi
» Templari: storia e leggenda dei Cavalieri del Tempio
» Steve McCurry. Icons
» Un capolavoro in Castello

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» La Fratelli Toso: i vetri storici dal 1930 al 1980
» Incontri d’Arte: Tomoko Nagao
» Nel segno di Olivetti
» Moro. L'inchiesta senza finale
» Il mito della Nazione
» Bruno Maida, L'infanzia nelle guerre del Novecento
» Nulla è più importante delle piccolezze. Tecniche d'indagine letteraria
» PaviArt
» Incontro con Elda Lanza
» Francesca Moscheni: I segni di Dio
» In questa perennità di giovani
» Exist
» In viaggio con Mino Milani
» Una Storia Militante
» Uno:Uno raddoppia
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 15066 del 26 febbraio 2018 (295) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro
Filippo Cristini. Né gli alberi si scorgono tra loro

La mostra presenta una selezione di opere realizzate tra il 2016 e il 2018 da Filippo Cristini, giovane artista di Como, filosofo di formazione e pittore per vocazione.

Nei suggestivi spazi del Broletto, fino al 18 marzo 2018, trovano posto le grandi tele inedite della serie "Né gli alberi si scorgono tra loro", realizzate per questa occasione e specificatamente dedicate a Pavia. Con queste opere, Cristini non rappresenta ma evoca la regolarità dei paesaggi della campagna pavese, come sul filo di una storia sospesa.

A questo filone appartiene anche la serie "The Sheltering Sky"(Il Cielo Protettivo), che propone luoghi non riconoscibili solcati da misteriosi disegni: si tratta in realtà delle mappe dei rifugi antiaerei utilizzati a Milano durante la Seconda Guerra Mondiale.
Il sentimento del pericolo imminente, della guerra che distrugge e sconvolge percorre queste opere, che mostrano un senso del tragico non comune, amplificato da una profonda ricerca sulla materia.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Spazio per le Arti contemporanee del Broletto
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da venerdì 2 marzo 2018 a domenica 18 marzo 2018
 
 
Pavia, 26/02/2018 (15066)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2018 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool