Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 18 febbraio 2019 (415) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Vivian Maier. Street photography.
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Voice of the voiceless Racconti forografici di Andy Rocchelli
» Diamo i numeri
» Raoul Iacometti. Alcuni di noi
» La Torre di Babele. Libri, dipinti, disegni
» P.A.T. – Pavia Art Talent
» Mater - Parole e immagini sulla maternità
» Mostra dei Plumcake
» Ci siamo! Sguardi sull'identità giovanile
» "Hors d'Oeuvre"Assaggi di opere ed artisti dalla Permanente di Milano
» Uliano Lucas. La vita e nient'altro
» L’eccezione del blu/ frammenti di William Xerra
» Mino Milani: una città, la guerra, la giovinezza
» Incontri d’Arte: Sergio Alberti
» Il Morbo di Violetta: Carlo Forlanini e la prima vittoria sulla tubercolosi
» All you need is rock
» "Batticuore", la mostra di Antonio Pronostico
» Elliott Erwitt. Icons
» Maugeri In Arte. Mostra di Vittorio Valente

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Gruppo di lettura allo Spazio Q
» Incontro in Biblioteca con la scrittrice
» Venerdì di sQrittura
» Il Rispetto dell'altro
» Vivian Maier. Street photography.
» RAP. Potere alle parole
» Mostra illustrazioni e fumetti di LUCIOP
» Io e il mostro
» Terry Pratchett: oltre la risata
» Il fascimo antisemita e le Università. Il caso di Pavia
» Le donne pavesi nella città in guerra. 1915-1918
» Incontro con Giovanna Riccardi
» Laboratorio di calligrafia
» Inciampare per Ricordare
» Corso di Fotografia Digitale
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14864 del 2 ottobre 2017 (1690) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
Robert Doisneau: Pescatore d’immagini

Dal 14 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018, lo storico palazzo del XII secolo, posto nel cuore della città, ospita una mostra di Robert Doisneau (Gentilly, 14 aprile 1912 - Montrouge, 1 aprile 1994), uno dei fotografi più importanti e celebrati dell’intero Novecento.

La rassegna, dal titolo Pescatore d’immagini, curata dall’Atelier Robert Doisneau - Francine Deroudille ed Annette Doisneau - in collaborazione con il Professor Piero Pozzi, prodotta e realizzata da Di Chroma Photography e ViDi - Visit Different, in collaborazione con la Fondazione Teatro Fraschini e il Comune di Pavia – Settore Cultura presenta 70 immagini in bianco e nero che ripercorrono l’universo creativo del fotografo francese.

Il percorso espositivo, che mette in mostra alcune delle icone più riconoscibili della sua carriera come Le Baiser de l'Hôtel de Ville, Les pains de Picasso, Prévert au guéridon, si apre con l’autoritratto del 1949 e ripercorre i soggetti a lui più cari, conducendo il visitatore in un’emozionante passeggiata nei giardini di Parigi, lungo la Senna, per le strade del centro e della periferia, nei bistrot e nelle gallerie d’arte della capitale francese.

I soggetti prediletti delle sue fotografie sono, infatti, i parigini: le donne, gli uomini, i bambini, gli innamorati, gli animali e il loro modo di vivere questa città senza tempo.
Quella che Doisneau ha tramandato ai posteri è l’immagine della Parigi più vera, ormai scomparsa e fissata solo nell’immaginario collettivo; è quella dei bistrot, dei clochard, delle antiche professioni; quella dei mercati di Les Halles, dei caffè esistenzialisti di Saint Germain des Prés, punto d’incontro per intellettuali, artisti, musicisti, attori, poeti, come Jacques Prévert col quale condivise, fino alla sua morte, un’amicizia fraterna e qui presente con uno scatto - Prévert au guéridon - che lo ritrae seduto al tavolino di un bar con il suo fedele cane e l’ancor più fedele sigaretta.

A Pavia, si possono ammirare alcuni dei suoi capolavori più famosi, tra cui il Bacio dell’Hotel de Ville, scattata nel 1950, che ritrae una coppia di ragazzi che si bacia davanti al municipio di Parigi mentre, attorno a loro, la gente cammina veloce e distratta. L’opera, per lungo tempo identificata come un simbolo della capacità della fotografia di fermare l’attimo, non è stata scattata per caso: Doisneau, infatti, stava realizzando un servizio fotografico per la rivista americana Life, e chiese ai due giovani di posare per lui. 

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Palazzo del Broletto
Indirizzo: Piazza della Vittoria
Quando: da sabato 14 ottobre 2017 a domenica 28 gennaio 2018
Orario: Lunedì chiuso Martedì, giovedì e venerdì: 10.00-13.00 / 14.00-18.00 Mercoledì: 10.00-13.00/14.00-22.00 Sabato, domenica e festivi: 10.00-19.00
Note: Biglietti:
Intero: 9,00 euro
Ridotto: 7,00 euro (over 65, ragazzi dai 13 ai 18 anni, gruppi min. 10 persone)
Ridotto speciale Studenti Università di Pavia: 6,00 euro (con tesserino valido)
Scuole e bambini (dai 6 ai 12 anni): 5,00 euro
Gratuito: Bambini fino ai 5 anni di età, giornalisti con tesserino valido, visitatori disabili muniti di certificazione attestante un’invalidità superiore al 74%, accompagnatore del visitatore disabile (solo in caso di non autosufficienza), accompagnatori gruppo adulti (uno per gruppo), due insegnanti accompagnatori a scolaresca.

 
 
Pavia, 02/10/2017 (14864)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2019 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool