Pavia e provincia: Pavese, Oltrepò Pavese, Lomellina, eventi, spettacoli e manifestazioni di Pavia e provincia
lunedì, 20 novembre 2017 (467) Qual Buon Vento, navigante! » Entra


 
Articoli della stessa rubrica
» Africa da immaginario e realtà
» Da Ninive a Mosul
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» Limyè
» Tracce. Percorsi Longobardi
» Arte in Vigevano
» Emilio Cavallini. Oltre la tela – Evoluzione di fibre filate di calze
» “Quattro X Otto = 50 anni Cifarelli SpA”
» Robert Doisneau: Pescatore d’immagini
» Nextvintage d'autunno
» L’universo ad orologeria
» La sovrana delle scienze
» Antologica di Carlo Zanoletti
» Flora umana
» Mente Captus
» Regine e Re longobardi
» Longobardi. Un popolo che cambia la storia
» Natura cosciente
» La "nuova" Quadreria dell'Ottocento
» Le meraviglie del mondo sommerso

Vedi archivio

 
Altri articoli attinenti
» Africa da immaginario e realtà
» Incontro con Mino Milani
» The Dead City Project
» Informazione e disinformazione tra Rete e realtà
» Conversazioni pavesi con Daniele Novara
» Il Futuro dell’Immagine
» Abitare la bellezza
» Studi sull'alto medioevo pavese
» Da Ninive a Mosul
» "Sorella Morte. La dignità del vivere e del morire”
» Design e Arte per la Ricerca Scientifica
» L' Eredità di Corrado Stajano
» Dondi e Petrarca: un'amicizia tra Padova e Pavia
» Limyè
» DNA: un affare che scotta
 
Pagina inziale » Cultura » Articolo n. 14823 del 1 settembre 2017 (567) Condividi su Facebook Stampa Salva in formato PDF
Contempora Langobardorum
Contempora Langobardorum

La mostra, Contempora Langobardorum. Verso i Longobardi, tra passato e presente Pavia, realizzata dai Musei Civici del Castello Visconteo in collaborazione con i Volontari del Touring Club Italiano di Pavia, e curata da Chiara Argenteri e Francesca Porreca, intende esplorare il passato con uno sguardo attuale e contemporaneo, indagando su chi siano stati e dove possano trovarsi oggi i Longobardi.

Gli artisti presenti in mostra si addentreranno nel complesso tema del recupero della memoria storica della città di Pavia, divenuta capitale del Regno longobardo in seguito alla migrazione del ‘popolo dalle lunghe barbe’ proveniente da nord, con un inevitabile parallelismo con l’attuale ondata migratoria da sud. L’incontro-scontro con l’altro, le invasioni barbariche, la stratificazione di saperi e saper fare, il rapporto col diverso attingerà dunque tanto dalla storia passata quanto dal nostro mondo globalizzato, teso al multiculturalismo. 

Il percorso a ritroso verso l’epoca longobarda permetterà di gettare ponti e stabilire connessioni, ma anche di evidenziare fratture, segni, distanze. La mostra allestita nelle sale della sezione Archeologica dei Musei Civici, dialoga con l’allestimento e con i reperti presenti.

Ogni stanza è caratterizzata dalla presenza di opere di pittura, scultura, grafica, fotografia e video, interpretate da due o più artisti, in un serrato confronto generazionale.
Gli artisti presenti in mostra sono: per la sezione pittura Günter Pusch e Rossana Schiavo, per la sezione fotografia Marcella Milani e Giulia Passolungo, per la sezione grafica e incisione Alessandra Angelini, Claudia De Lucca e Vanessa Fantinati, per la sezione video Roberto Figazzolo e alcuni studenti dell'Istituto Superiore Statale Taramelli-Foscolo di Pavia, per la sezione scultura Silvia Manazza e Aris Marakis. A completare il percorso sono le poesie di Barbarah Guglielmana.

 
 Informazioni 
Dove: Pavia - Museo archeologico Castello Visconteo
Indirizzo: viale XI Febbraio 35
Quando: da domenica 15 ottobre 2017 a domenica 3 dicembre 2017
 
 
Pavia, 01/09/2017 (14823)




MiaPavia è una testata giornalistica registrata, © 2000- 2017 Buon Vento S.r.l. - P.I. IT01858930181
Tutti i diritti sono riservati - Chi siamo - Contatti - Mining pool